Il 26 febbraio Assemblea di Legacoop Agroalimentare Puglia con Di Gioia, Mercuri, Luppi, Calzolari, Sicolo, Petruzzella

Eventi

"La centralità del sistema cooperativo per la valorizzazione delle produzioni pugliesi: l'opportunità dei nuovi programmi comunitari dell'agricoltura e della pesca", sarà il tema al centro dell'assemblea regionale di legacoop agroalimentare, che si terrà venerdì 26 febbraio, dalle 15:30 nella sede della cooperativa "progresso agricolo", a fasano. All'assemblea, presieduta dal presidente di legacoop puglia carmelo ROLLO, parteciperanno l'assessore regionale all'agricoltura leo DI GIOIA, il presidente dell'alleanza delle cooperative agroalimentari giorgio MERCURI ed i presidenti di granarolo giampiero CALZOLARI, alce nero lucio CAVAZZONI, apofruit mario TAMANTI e cno gennaro SICOLO. le conclusioni saranno affidate al presidente di legacoop agroalimentare giovanni LUPPI. introdurrà i lavori il coordinatore regionale di legacoop agroalimentare angelo PETRUZZELLA. Durante l'incontro verranno nominati i delegati che parteciperanno all'assemblea nazionale di legacoop agroalimentare, in programma il 10 e 11 marzo a roma. in mattinata, dalle 12:00 sempre nella sede della cooperativa, le cooperative di pesca si confronteranno sul progetto "miglio zero", promosso da legacoop puglia per favorire la vendita diretta del pescato attraverso i moderni sistemi telematici. "i dati sull'andamento economico delle nostre cooperative ci riportano un sistema che ha saputo resistere alla crisi grazie ai valori delle cooperative: salvaguardare gli interessi dei soci; valorizzare il lavoro restando legati al territorio in un quadro di massima legalita"', sottolinea PETRUZZELLA, facendo notare che "nel settore agroalimentare abbiamo però una esigenza: far crescere le imprese pugliesi, il cui fatturato, di circa 1,8 milioni di euro, e' lontano dal fatturato medio delle cooperative italiane, di oltre 7 milioni di euro". "il 90% delle imprese agricole pugliesi ha una superficie tra 0,5 e 5 ettari: questo dimostra quanto sia utile la cooperazione per un tessuto produttivo altamente polverizzato. il primo passo, dunque, e' quello di favorire e sostenere le aggregazioni, far crescere le dimensioni funzionali e strutturali delle cooperative", aggiunge PETRUZZELLA. 


Fonte: Agra Press

  


  Categoria:
Eventi

Ultime notizie

vedi tutti gli articoli